fitoterapia.it
 
articoli e notizie
cerca in base all'uso:
  
Gli alimenti per la salute » SOIA
SOIA
(Glycine max)

FAMIGLIA: Leguminosae
soia

HABITAT: originaria dell'estremo Oriente, è oggi coltivata in molti paesi a clima temperato-freddo, in particolare gli Stati Uniti d'America.
PROPRIETA’ TERAPEUTICHE: è una buona fonte di proteine vegetali, contenendone in quantità simile a quella presente nelle carni. Va però considerato che un aminoacido, la creatina, è poco presente nei vegetali. E' inoltre ricca di carboidrati e di fibre vegetali, importanti per favorire il corretto funzionamento dell'intestino e per ridurre l'assorbimento intestinale dei grassi e degli zuccheri. Un altro vantaggio è che la quantità di grassi presente è trascurabile (circa l'1%) e che è ricca di ferro e di potassio. E' però in grado di aumentare la quantità di aria presente nell'intestino, e per questo non andrebbe mangiata da persone che soffrono di colite spastica.
Effetti endocrini: sono stati studiati gruppi di donne in premenopausa, che consumavano giornalmente 60 g. o 28 g. di proteine di soia per un periodo di 9 mesi. Si è notato che le donne che consumavano la dose maggiore mostravano un allungamento statisticamente significativo della prima fase (fase follicolare) del ciclo mestruale e una riduzione ugualmente significativa dei picchi di progesterone nella seconda fase (fase luteinica) del ciclo, senza alterazioni nella regolarità del ciclo mestruale ma con un suo allungamento da un valore medio di 28 giorni a uno di 32 giorni. Studi fatti su donne in menopausa hanno dimostrato che le donne che ricevevano la soia riferivano una netta riduzione dei sintomi tipici della menopausa (vampate di calore, disturbi psichici e precoce invecchiamento) e un conseguente miglioramento della loro qualità di vita, accompagnati da una moderata diminuzione dei livelli di colesterolo nel sangue. Questi effetti positivi non erano accompagnati da aumento dei trigliceridi e da modificazioni dell’epitelio vaginale e delle mammelle, che sono invece tipici della terapia con estrogeni di sintesi.
Azione antitumorale: l'allungamento del ciclo mestruale aiuta a prevenire i tumori femminili. Infatti le cellule in rapida crescita stimolate dagli ormoni femminili sono più a rischio di danni genetici, in seguito ai quali può iniziare il cancro. Pertanto riducendo il numero dei cicli mestruali e prolungando la fase del ciclo con bassi livelli ormonali i fitoestrogeni riducono il rischio di neoplasie mammarie. Importante a tale fine è anche l’occupazione dei recettori per gli estrogeni da parte di queste sostanze.
Azione rimineralizzante: studi fatti su donne in menopausa che prendevano farina di soia hanno dimostrato che dopo 9 mesi di alimentazione con questa la mineralometria ossea, cioè l'esame che permette di valutare con grande precisione la densità dell'osso, evidenziava un aumento statisticamente significativo del contenuto minerale e della densità dell’osso nelle vertebre lombari, nel femore e nel bacino. Questi dati indicano che la farina di soia e i suoi derivati possono essere utili per combattere l’osteoporosi tipica della donna in menopausa.
Azione ipocolesterolemizzante: come noto da tempo, la soia ha la capacità di ridurre il colesterolo nel sangue. E’ noto che l’ossidazione delle LDL, che sono le particelle di colesterolo cosiddetto cattivo, è fondamentale per farle precipitare nelle pareti dei vasi sanguigni e causare quindi le placche arteriosclerotiche. Gli isoflavoni presenti nella soia hanno una forte azione antiossidante sulle LDL e proteggono così dall'arteriosclerosi. Sono stati fatti finora 38 lavori clinici sull’efficacia delle proteine di soia nell’abbassare il colesterolo, i cui risultati indicano che con una dose media di 47 g. al giorno di proteina di soia si è avuto un calo del colesterolo totale del 9,3%. Tutti questi studi indicano che la sostituzione, meglio se totale, delle proteine animali con quelle di soia porta ad un calo significativo del colesterolo LDL, che è in media del 3,3% in pazienti con colesterolo normale, ma raggiunge il 25% in pazienti con colesterolo nel sangue superiore a 300 mg./dl.
EFFETTI COLLATERALI : non si conoscono effetti collaterali degni di nota.
INTERAZIONI FARMACOLOGICHE: Va ricordato che la soia riduce notevolmente l’assorbimento del tamoxifene, un farmaco che blocca i recettori per gli estrogeni e che viene per questo usato in donne operate di tumori estrogenosensibili alla mammella o all’ovaio. Quindi le donne che assumono il tamoxifene non devono mangiare cibi a base di soia.
CONTROINDICAZIONI: non va usata in donne in gravidanza, durante l’allattamento e in pazienti con tumori della mammella, dell’utero o dell’ovaio.
INDICAZIONI PRINCIPALI: Azione sui disturbi mestruali e del climaterio, Azione rimineralizzante e antiosteoporotica, Azione ipocolesterolemizzante e antiaterosclerotica

 
benessere
conoscere la fitoterapia
alimenti per il benessere
fitocosmesi, la bellezza dalla natura
alimenti per il benessere
articoli scientifici
contatta uno specialista
corsi di fitoterapia
piante officinali




I prodotti di Pharmaelite sono vere e proprie creazioni in costante evoluzione, sottoposte a prove e verifiche scientifiche continue. Lo studio di eccipienti e principi attivi, completamente naturali, si deve combinare a un’elevata velocitÓ di assorbimento, l’indice di penetrabilitÓ, e alla assoluta raffinatezza della base cosmetica.

Per arrivare a questo obiettivo Gian Maria Amatori, creatore dei cosmetici, ha collaborato con esperti in cosmetologia, microbiologia, erboristeria e chirurgia estetica, e sottoposto i propri dossier a personalitÓ super partes, tra cui il noto Lothar Erich Gluderer, e Antonello Sannia (presidente della SocietÓ Italiana di Medicina Naturale).

I cosmetici Pharmaelite sono prodotti in Alta Badia.

Per l'acquisto dei cosmetici Pharmaelite:
www.pharmaelite.it