fitoterapia.it
 
articoli e notizie
cerca in base all'uso:
  
Gli alimenti per la salute » VINO ROSSO

VINO ROSSO.

Il paradosso francese, enunciato in questi ultimi anni, ha messo a rumore il mondo scientifico, in particolare nel settore cardiologico. Infatti si è visto che la mortalità dei francesi causata dalle malattie cardiache, in particolare di quelli che vivono nella regione di Bordeaux, è notevolmente più bassa di quella di altri paesi occidentali, pur in presenza di inquinamento ambientale e di livelli di colesterolo nel sangue simili a questi. Alcuni ricercatori hanno suggerito che questa apparente incongruenza fosse dovuta al fatto che i francesi mangiano forti quantità di verdura e di frutta e anche di olio di oliva, tenendo un tipo di alimentazione simile alla famosa dieta mediterranea, che ha ripetutamente dimostrato di ostacolare l'insorgenza di molte malattie tipiche della società moderna quali le malattie ischemiche del cuore, l'ipertensione arteriosa, le dislipidemie e l'obesità. Studi più approfonditi hanno invece dimostrato che il paradosso francese non è imputabile solo ad un'alimentazione relativamente sana, ma anche e soprattutto alle sostanze contenute nel vino. I dati sulla mortalità cardiovascolare in alcuni paesi europei presentati nella tabella 1 sono indicativi a questo proposito.

Paese Malattie cardiovascolari nel maschio Malattie cardiovascolari nella femmina
Germania 428 144
Olanda 412 142
Belgio 392 140
Italia 329 121
Spagna 308 117
Francia 282 83

Il dato francese è sorprendente soprattutto perché la popolazione di questo paese non ha livelli di colesterolo più bassi rispetto ai cittadini degli altri paesi europei, e così pure il fumo di sigaretta e i livelli di pressione arteriosa sia massima sia minima sono praticamente identici a questi. Anche il consumo di grassi nella dieta in Francia è nettamente superiore a quello di paesi come l'Italia e la Spagna, e tuttavia la mortalità cardiovascolare è inferiore. L'analisi delle abitudini dietetiche dei francesi rivela invece che il loro consumo di vino è circa doppio rispetto ai paesi nordeuropei e del 30% superiore a quello di italiani e spagnoli. La differenza dietetica principale tra i francesi e le altre popolazioni esaminate risiede quindi nel consumo di vino, in prevalenza rosso, a causa sia dell'aumento dei livelli di colesterolo HDL, il cosiddetto colesterolo buono, sia della presenza in questa bevanda di sostanze biologicamente assai attive nel ridurre l'incidenza delle malattie cardiovascolari come le procianidine, il resveratrolo e i flavonoidi, di cui la vite da vino è ricca. Queste sostanze inibiscono validamente i radicali liberi, ed è noto che le particelle di colesterolo LDL, il cosiddetto colesterolo cattivo, esposte ai radicali liberi vanno incontro ad un processo perossidativo, che ne causa la precipitazione nella parete delle arterie. Numerose evidenze sperimentali e cliniche indicano che la modifica ossidativa delle LDL è fondamentale per innescare i processi che portano all'aterosclerosi, con calo progressivo dei livelli di vitamina E contenuti nelle LDL e infine con precipitazione di queste ultime nella parete dei vasi sanguigni.
Analisi recenti sembrano dimostrare che le antocianine sono i principali antiossidanti del vino rosso giovane, mentre tale ruolo è svolto dai tannini nel vino bianco e nel vino rosso invecchiato, e che il vino giovane pare avere un potere antiossidante maggiore rispetto a quello invecchiato.
Oltre all'azione antiossidante la vite da vino è conosciuta da tempo per avere una valida azione protettiva sui vasi venosi e in particolare sui capillari. Le antocianidine infatti si fissano elettivamente sulla membrana cellulare delle cellule dei vasi, contribuendo così a stabilizzarla e a proteggerla contro le aggressioni di molti enzimi distruttivi. Sono stati effettuati alcuni studi clinici, per valutare se questi dati ottenuti in vitro fossero trasferibili anche in vivo nell'uomo. Uno studio effettuato su 78 pazienti con malattia varicosa degli arti inferiori ha evidenziato, dopo 30 giorni di terapia, un miglioramento di sintomi quali pesantezza delle gambe, crampi, parestesie, prurito, dolori assai superiore di quello ottenuto col solo placebo.
Un dato molto interessante è che le antocianidine diminuiscono la tendenza all’occlusione coronarica indotta da restringimento di questi vasi sanguigni, potendo così essere utili per ostacolare le malattie ischemiche del cuore. Risultati molto interessanti sono stati ottenuti dallo studio effettuato a Zutphen (Olanda), dove i soggetti di questa località sono stati seguiti per 5 anni allo scopo di valutare la loro mortalità cardiovascolare in seguito all'ingestione di una dieta particolarmente ricca di verdura e frutta crudi e quindi contenente buone quantità di antocianidine e di flavonoidi.
Numerose altre conferme al dato che il consumo moderato di vino rosso sia in grado di ridurre la mortalità cardiovascolare sono venute anche da altri importanti studi di popolazione effettuati nel mondo. D'altronde lo studio MONICA dell'OMS ha evidenziato che i popoli mediterranei sono più protetti, nei confronti della mortalità coronarica, di quelli che bevono analoghe quantità di alcool ma in altre forme diverse dal vino. E tale protezione non poteva essere attribuita solo alle HDL, poiché i loro valori erano sovrapponibili nelle diverse popolazioni esaminate.
Le antocianidine possono essere utili anche in oculistica, particolarmente nei casi in cui vi sia un aumento della sensibilità alla luce. Tali disturbi sono difficilmente controllabili dai farmaci tradizionali e si manifestano con ipersensibilità alle sorgenti luminose e ridotta capacità di visione notturna. In questi pazienti la somministrazione di antocianidine per bocca alla dose di 200 mg. al giorno per 5 settimane ha nettamente migliorato, in confronto al placebo, l'acuità visiva in pazienti fotosensibili sottoposti ad illuminazione acuta. Inoltre le antocianidine possono essere utili in soggetti con stress visivo per attività continua ad un monitor elettronico.
Uno studio recente ha proposto il cosiddetto Polymeal, ossia un’alimentazione contenente vino, pesce, cioccolato scuro, frutta, vegetali crudi, aglio e mandorle. Sono stati usati degli speciali calcoli matematici e statistici per valutare se il Polymeal fosse capace di ridurre il rischio cardiovascolare in pazienti di età vicina ai 50 anni. Si è visto che il Polymeal riduceva il numero di eventi cardiovascolari del 76%. Per l’uomo esso forniva un allungamento dell’aspettativa di vita di 6,6 anni, un aumento dell’aspettativa di vita senza eventi cardiovascolari di 9 anni e un calo dell’aspettativa di vita con eventi cardiovascolari di 2,4 anni. Per la donna i valori suddetti erano rispettivamente di 4,8 – 8,1 e 3,3 anni. Questi dati indicano che il Polymeal può aiutare in modo evidente a ridurre il rischio cardiovascolare nella popolazione.
I dati provenienti dagli studi più recenti indicano che la quantità giornaliera di vino rosso considerata ottimale per avere gli effetti protettivi indicati sopra è di circa 300 cc. nell’uomo e di circa 250 cc. nella donna. Tale effetto protettivo è massimo in chi beve vino rosso tutti i giorni e si riduce progressivamente riducendo il numero di giorni alla settimana in cui si beve il vino rosso. Si pensi che il rischio di essere colpiti da una malattia cardiovascolare si riduce del 23% in chi beve vino rosso ogni giorno e solo del 10% in chi lo beve due volte alla settimana.
EFFETTI COLLATERALI: in rari casi può causare dolori di stomaco di moderata entità, spesso accompagnati da disturbi digestivi. Può anche avere un modesto effetto astringente intestinale, ma ciò accade assai raramente.
INTERAZIONI FARMACOLOGICHE: le sostanze presenti nel vino rosso riducono principalmente l’assorbimento intestinale della ciclosporina, un farmaco che viene usato per combattere le reazioni di rigetto in pazienti che hanno subito trapianto di organi, e quindi i suoi livelli nel sangue.
Non va assunto assieme al latte vaccino, poiché esso riduce notevolmente l'assorbimento intestinale delle sostanze utili presenti nel vino.
CONTROINDICAZIONI: nessuna degna di nota.
TOSSICOLOGIA: non sono stati notati effetti tossici causati dalle antocianidine e dal resveratrolo, che sono le sostanze ad azione protettiva sul cuore e sui vasi sanguigni presenti nel vino rosso, nemmeno a dosi 20 volte più alte di quelle con cui si viene normalmente a contatto.

 
benessere
conoscere la fitoterapia
alimenti per il benessere
fitocosmesi, la bellezza dalla natura
alimenti per il benessere
articoli scientifici
contatta uno specialista
corsi di fitoterapia
piante officinali




I prodotti di Pharmaelite sono vere e proprie creazioni in costante evoluzione, sottoposte a prove e verifiche scientifiche continue. Lo studio di eccipienti e principi attivi, completamente naturali, si deve combinare a un’elevata velocitÓ di assorbimento, l’indice di penetrabilitÓ, e alla assoluta raffinatezza della base cosmetica.

Per arrivare a questo obiettivo Gian Maria Amatori, creatore dei cosmetici, ha collaborato con esperti in cosmetologia, microbiologia, erboristeria e chirurgia estetica, e sottoposto i propri dossier a personalitÓ super partes, tra cui il noto Lothar Erich Gluderer, e Antonello Sannia (presidente della SocietÓ Italiana di Medicina Naturale).

I cosmetici Pharmaelite sono prodotti in Alta Badia.

Per l'acquisto dei cosmetici Pharmaelite:
www.pharmaelite.it