fitoterapia.it
 
articoli e notizie
cerca in base all'uso:
  
Piante officinali principali » ARTIGLIO DEL DIAVOLO
ARTIGLIO DEL DIAVOLO
(Harpagophytum procumbens)

FAMIGLIA: Pedaliaceae
artiglio del diavolo

ARTIGLIO DEL DIAVOLO | FAQ

HABITAT: originario dell'Africa meridionale, in particolare Sud Africa, Namibia e Botswana, dove cresce sui suoli ricchi di ossido di ferro delle savane semidesertiche.
PARTE USATA: le radici laterali tuberizzate.
PREPARAZIONI FARMACEUTICHE CONSIGLIATE: estratto secco nebulizzato e titolato in glicoiridoidi totali min 1,8%, di cui l'80% deve essere rappresentato da arpagoside (Farmacopea Italiana X), la cui dose giornaliera va da 10 a 16 mg. per kg. di peso corporeo, suddivisi in due somministrazioni meglio se dopo i pasti principali, a causa del suo gusto molto amaro.
COMPOSIZIONE CHIMICA: è una pianta ricca di sostanze iridoidi, il cui costituente maggioritario è l'arpagoside.
PROPRIETÀ TERAPEUTICHE: Azione anti-infiammatoria e antidolorifica: le ricerche cliniche e sperimentali evidenziano che questa pianta possiede una notevole azione anti-infiammatoria, alla quale si associano anche attività antidolorifiche e antispasmodiche.
Sono stati fatti alcuni studi sull'uomo, che dimostrano come l'estratto secco titolato in arpagoside di questa pianta possa ridurre i dolori nel paziente artrosico, con un tasso di efficacia che varia dal 42 all'85% a seconda del tipo di artrosi e della gravità dei sintomi. Il periodo di tempo necessario per il manifestarsi dell'effetto è di circa 7-8 giorni, e raggiunge il massimo dopo circa 30 giorni, mantenendosi poi immodificato continuando la cura. Il dosaggio medio somministrato in questi studi oscillava da 600 a 1200 mg. di estratto secco titolato al giorno, per periodi compresi fra i 60 e i 90 giorni. I fallimenti della suddetta terapia oscillano tra il 10 e il 15% dei pazienti trattati. Ovviamente tutti questi studi confermano che l'efficacia di questa pianta è tanto maggiore quanto più precoce è la terapia.
Una analisi accurata degli studi fatti nell’uomo (Settembre 2004) ha valutato l’efficacia e la tollerabilità dell’Arpagofito nel paziente artroreumatico. Sono stati considerati solo gli studi clinici fatti con metodica assolutamente rigorosa, selezionandone 12. Di questi 6 riguardavano pazienti con osteoartrite, 4 pazienti con lombalgia recidivante e 3 pazienti con dolori osteoarticolari migranti. La letteratura indica che la minima dose giornaliera efficace di arpagoside è di 30 mg, con effetti ottimali intorno ai 60 mg al giorno di questa sostanza per pazienti con dolori cronici, mentre la dose minima efficace nel dolore acuto è di 100 mg al giorno di arpagoside. La letteratura indica anche che 60 mg al giorno di arpagoside sono sostanzialmente analoghi come efficacia ai comuni farmaci anti-infiammatori usati nella lombalgia cronica recidivante. La tollerabilità di queste dosi di estratto è stata discreta, con un’incidenza di effetti avversi di tipo gastrointestinale di circa l’8% dei soggetti trattati

  • Indicazioni principali: malattie artroreumatiche, piccola traumatologia sportiva.
  • Azione prevalente: anti-infiammatoria e antidolorifica.

EFFETTI COLLATERALI: ha un sapore molto amaro, per cui la somministrazione delle forme liquide non è molto ben accetta dal paziente.
Può provocare talvolta mal di stomaco con nausea, particolarmente in soggetti con gastrite acuta e/o ulcera peptica. Pertanto si consiglia di assumere questo estratto a stomaco pieno. In alcuni rari casi può provocare dolori addominali con diarrea.
CONTROINDICAZIONI: Non è consigliabile nel bambino al di sotto dei 12 anni, in gravidanza e durante l'allattamento.
INTERAZIONI CON FARMACI: non note.
DATI TOSSICOLOGICI: Questa pianta è praticamente atossica, essendo la dose letale nel topo pari a circa 100 volte quella normalmente utilizzata. La somministrazione di 600 mg per kg di peso corporeo al giorno per un periodo di 30 giorni nel ratto non ha causato evidenti effetti collaterali.

BIBLIOGRAFIA.

  1. Wagner H. Search for new plant constituents with potential antiphlogistic and antiallergic activity. Planta Med. 55, 235, 1989.
  2. Lanhers M.C. et al. Antiinflammatory and analgesic effect of an acqueous extract of Harpagophytum procumbens. Planta Med. 58, 117, 1992.
  3. Handa S.S. et al. Plants with antiinflammatory activity. Fitoterapia, LXIII, 3, 1992.
  4. Wolf E. et al. Harpagophytum extracts is an effective antiinflammatory agent. Pharm. Ztg. 142, 36, 1997.
  5. Whitehouse L.W. et al. Devil’s claw (Harpagophytum procumbens): no evidence for anti-inflammatory activity in the treatment of arthritic disease. Can. Med. Assoc. J. 129, 249-251, 1983.
  6. Chrubasik S. et al. Effectiveness of Harpagophytum extract WS 1531 in the treatment of exacerbation of low back pain: a randomized, placebo-controlled, double-blind study. Eur. J. Anaesthesiol. 16, 118-129, 1999.
  7. Wegener T. Therapy of degenerative diseases of the musculoskeletal system with South African devil's claw (Harpagophytum procumbens DC).Wien Med. Wochenschr. 149, 254-257, 1999.
  8. Chantre P. et al. Efficacy and tolerance of Harpagophytum procumbens versus diacerhein in treatment of osteoarthritis. Phytomedicine 7, 177-183, 2001.
  9. Laudahn D. et al. Efficacy and tolerance of Harpagophytum extract LI 174 in patients with chronic non-radicular back pain. Phytother. Res. 15, 621-624, 2001.
  10. Chrubasik S. et al. Comparison of outcome measures during treatment with the proprietary Harpagophytum extract doloteffin in patients with pain in the lower back, knee or hip. Phytomedicine 9, 181-194, 2002.
  11. Chrubasik S. et al. A randomized double-blind pilot study comparing Doloteffin((R)) and Vioxx((R)) in the treatment of low back pain. Rheumatology (Oxford) 42(1):141-8, 2003.
  12. Chrubasik S. Et al. The quality of clinical trials with Harpagophytum procumbens. Phytomedicine. 10(6-7):613-23, 2003.
  13. Gagnier J.J. et al. Harpagophytum procumbens for osteoarthritis and low back pain: a systematic review. BMC Complement Altern Med. 4(1):13, 2004.

 

 
benessere
conoscere la fitoterapia
alimenti per il benessere
fitocosmesi, la bellezza dalla natura
alimenti per il benessere
articoli scientifici
contatta uno specialista
corsi di fitoterapia
piante officinali




I prodotti di Pharmaelite sono vere e proprie creazioni in costante evoluzione, sottoposte a prove e verifiche scientifiche continue. Lo studio di eccipienti e principi attivi, completamente naturali, si deve combinare a un’elevata velocitÓ di assorbimento, l’indice di penetrabilitÓ, e alla assoluta raffinatezza della base cosmetica.

Per arrivare a questo obiettivo Gian Maria Amatori, creatore dei cosmetici, ha collaborato con esperti in cosmetologia, microbiologia, erboristeria e chirurgia estetica, e sottoposto i propri dossier a personalitÓ super partes, tra cui il noto Lothar Erich Gluderer, e Antonello Sannia (presidente della SocietÓ Italiana di Medicina Naturale).

I cosmetici Pharmaelite sono prodotti in Alta Badia.

Per l'acquisto dei cosmetici Pharmaelite:
www.pharmaelite.it