fitoterapia.it
 
articoli e notizie
cerca in base all'uso:
  
Piante officinali principali » MELALEUCA
MELALEUCA
(Melaleuca alternifolia)

FAMIGLIA: Myrtaceae
melaleuca

HABITAT: La Melaleuca alternifolia, detta volgarmente albero del thè, cresce nel continente australiano in zone piuttosto aride.
PARTE USATA: le foglie.
PREPARAZIONE FARMACEUTICA CONSIGLIATA: olio essenziale, da usare solo per via esterna a causa della sua azione irritante a livello dell’apparato digerente.
COMPOSIZIONE CHIMICA: l’olio essenziale deve contenere eucaliptolo min. 40%, ma sono presenti quantità significative di cineolo, di pineni di vario tipo, di limonene e di alfa-terpineolo.
PROPRIETÀ TERAPEUTICHE: Azione antisettica: le sue foglie sono da tempo immemorabile usate dagli indigeni australiani per le loro proprietà disinfettanti generali e a livello cutaneo. L’uso di questa pianta nei paesi occidentali è piuttosto recente, essendo iniziato nei primi anni 80.
L’azione medicamentosa dell’olio essenziale di Melaleuca è soprattutto di tipo anti-infettivo,sia contro i batteri, sia contro alcuni virus sia contro molti funghi. L’azione contro i batteri è nella maggior parte dei casi di tipo battericida, ossia in grado di distruggere i germi, così come fanno gli antibiotici. I germi più sensibili sono quelli aerobi, ad esempio streptococchi e stafilococchi, ma anche una discreta parte di anaerobi sono distrutti da questo olio essenziale. Si consideri che il prodotto ha un potere antibatterico che è circa 5 volte superiore a quello del fenolo.
Esso è attivo anche contro alcuni virus, in particolare Adenovirus ed Herpes simplex tipo 1, con un’azione di tipo prevalentemente distruttiva sui virus con cui viene a contatto, anche se a concentrazioni piuttosto elevate. A concentrazioni più basse, che sono poi quelle che si verificano in genere in terapia umana, l’attività è prevalentemente di tipo virustatico, cioè è in grado di danneggiare il virus pur senza distruggerlo.
Molto interessante è anche l’azione dell’olio essenziale di Melaleuca contro i funghi. Essa interessa numerosi ceppi di questi parassiti ed è, a concentrazioni medie o medio-alte, prevalentemente distruttiva sui funghi interessati. Si tenga presenta che i funghi del genere Candida sono molto comuni in pazienti con indebolimento delle difese immunitarie, come ad esempio quelli colpiti da tumori, da gravi infezioni, da diabete mellito e da numerose altri tipi di malattia. Data la sua notevole solubilità nei grassi questa sostanza viene ben assorbita anche se data per via topica, pur senza raggiungere i livelli che si riscontrano dopo somministrazione per via orale.
Uno studio clinico ha valutato l’effetto dell’olio di melaleuca sulla Tinea pedis, un fungo che si sviluppa tra le dita dei piedi. Un gruppo di pazienti affetti da questa malattia doveva applicare due volte al giorno una crema al 10% in olio di melaleuca oppure una crema all’1% in tolnaftato, un farmaco antifungino, oppure ancora una crema placebo per 30 giorni. Al termine della sperimentazione si è visto che l’85% dei soggetti trattati con la crema al tolnaftato erano divenuti negativi per la presenza fungo, con un evidente miglioramento clinico. Negli altri due gruppi vi era un certo miglioramento clinico, più evidente nel gruppo melaleuca, ma in nessuno dei due vi era negatività all’esame colturale.
Uno studio clinico ha valutato l’effetto di una soluzione orale con o senza alcool sulle infezioni orali da Candida in pazienti con AIDS. Sono stati arruolati 27 pazienti con AIDS, portatori di candidosi orale resistente al fluconazolo, un noto farmaco antifungino. Essi ricevevano una soluzione di melaleuca senza alcool o una alcoolica per 4 settimane, con valutazione dell’estensione delle lesioni orali. Si è visto che entrambe le soluzioni erano ugualmente attive, e che il 60% dei ceppi di Candida resistenti al fluconazolo erano sensibili alla Melaleuca. Il 50% dei pazienti appariva guarito e il restante 50% nettamente migliorato dopo 4 settimane di trattamento.

  • Indicazioni principali: micosi cutanee, piccole infezioni cutanee.
  • Azione prevalente: anti-infettiva cutanea.
  • Altre azioni: anti-infiammatoria a livello cutaneo.

EFFETTI COLLATERALI: può provocare reazioni allergiche cutanee e disturbi digestivi con nausea e vomito se dato per via orale.
CONTROINDICAZIONI: E’ controindicato in gravidanza, durante l’allattamento e in pazienti con insufficienza epatica e renale di una certa entità. Non va usato per via interna ma solo per via topica.
INTERAZIONI FARMACOLOGICHE: non note.
DATI TOSSICOLOGICI: non disponibili.

BIBLIOGRAFIA.

  1. Bruneton J. Pharmacognosie et phytochimie plantes medicinales. Ed. Lavoisier, Paris, 1993.
  2. Tong M.M. et al. Tea tree oil in the treatment of tinea pedis. Australas. J. Dermatol.33, 145-149, 1992.
  3. Knight T.E. et al. Melaleuca oil (tea tree oil) dermatitis. J. Am. Acad. Dermatol. 30, 423-427, 1994.
  4. Carson C.F. et al. Antimicrobial activity of the major components of the essential oil of Melaleuca alternifolia. J. Appl.Bacteriol. 78, 264-269, 1995.
  5. Concha J.M. et al. Antifungal activity of Melaleuca alternifolia (tea-tree) oil against various pathogenic organisms. J. Am. Podiatr. Med. Assoc. 88, 489-492, 1998.
  6. Carson C.F. et al. Safety, efficacy and provenance of tea tree (Melaleuca alternifolia) oil. Contact Dermatitis 45, 65-67, 2001.
  7. Vazquez J.A. et al. Efficacy of alcohol-based and alcohol-free melaleuca oral solution for the treatment of fluconazole-refractory oropharyngeal candidiasis in patients with AIDS. HIV Clin Trials 3(5):379-85, 2002.
  8. Satchell A.C. Treatment of dandruff with 5% tea tree oil shampoo. J Am Acad Dermatol 47(6):852-5, 2002.
  9. Filoche S.K. et al. Antimicrobial effects of essential oils in combination with chlorhexidine digluconate. Oral Microbiol Immunol. 20(4):221-5, 2005.

 

 
benessere
conoscere la fitoterapia
alimenti per il benessere
fitocosmesi, la bellezza dalla natura
alimenti per il benessere
articoli scientifici
contatta uno specialista
corsi di fitoterapia
piante officinali




I prodotti di Pharmaelite sono vere e proprie creazioni in costante evoluzione, sottoposte a prove e verifiche scientifiche continue. Lo studio di eccipienti e principi attivi, completamente naturali, si deve combinare a un’elevata velocitÓ di assorbimento, l’indice di penetrabilitÓ, e alla assoluta raffinatezza della base cosmetica.

Per arrivare a questo obiettivo Gian Maria Amatori, creatore dei cosmetici, ha collaborato con esperti in cosmetologia, microbiologia, erboristeria e chirurgia estetica, e sottoposto i propri dossier a personalitÓ super partes, tra cui il noto Lothar Erich Gluderer, e Antonello Sannia (presidente della SocietÓ Italiana di Medicina Naturale).

I cosmetici Pharmaelite sono prodotti in Alta Badia.

Per l'acquisto dei cosmetici Pharmaelite:
www.pharmaelite.it