fitoterapia.it
 
articoli e notizie
cerca in base all'uso:
  
Piante officinali principali » POLICOSANOLO
POLICOSANOLO
(Saccharum officinarum)

policosanolo

ORIGINE DELLA PIANTA: America centro-meridionale.
PARTE USATA: la polpa.
PREPARAZIONI FARMACEUTICHE CONSIGLIATE: estratto secco nebulizzato e titolato in policosanoli espressi come octacosanolo min. 90%. Ad oggi solo il prodotto cubano alla più alta concentrazione (95%) denominato PPG ha dimostrato di avere tutte le azioni descritte in sintesi più avanti. Tutti gli altri estratti in commercio a base di policosanolo derivati da aree geografiche diverse da quella cubana o da materie prime differenti dalla canna da zucchero hanno azioni notevolmente inferiori. La sua dose media è di 10-20 mg al giorno in un’unica dose serale.
 PROPRIETÀ TERAPEUTICHE: Azione sul colesterolo: Il policosanolo è una miscela di alcooli alifatici primari ad alto peso molecolare isolati dalla canna da zucchero (Saccharum officinarum). Il loro componente principale è l'octacosanolo.
Esso è capace di ridurre il colesterolo, in particolare a carico della frazione LDL (quella cattiva) del colesterolo e un poco meno del colesterolo totale. Contemporaneamente alcuni lavori hanno segnalato un aumento della frazione HDL (quella buona) del colesterolo.
Non è ancora ben noto il meccanismo d'azione con cui questa sostanza esercita il suo effetto. Studi molto recenti indicano che il policosanolo riduce la produzione di un enzima, la HMG-CoA reduttasi, fondamentale per la produzione del colesterolo.
I numerosi studi clinici pubblicati finora indicano che una dose di policosanolo compresa tra 10 e 20 mg al giorno è in grado di abbassare il colesterolo totale tra il 17 e il 21% e il colesterolo LDL tra il 21 e il 29% e di aumentare il colesterolo HDL tra l'8 e il 12%. Inoltre il policosanolo abbassa anche i trigliceridi, in media di circa il 10%.
E' stato dimostrato che il policosanolo ha la stessa efficacia della simvastatina e della pravastatina nel ridurre il colesterolo. Esiste anche uno studio che ha paragonato il policosanolo all’atorvastatina, una statina più recente delle due precedenti. In questo studio è stato dimostrato che l’efficacia del policosanolo cubano nel ridurre il colesterolo è solo leggermente inferiore a quella dell’atorvastatina. Questi farmaci sono le cosiddette statine, e sono i farmaci più efficaci per la riduzione del colesterolo e per la protezione dei vasi sanguigni e del cuore oggi disponibili.
Il policosanolo ha anche altre azioni utili sull'apparato cardiovascolare. Infatti esso svolge una valida azione antiaggregante piastrinica, paragonabile a quella esercitata dall'acido acetilsalicilico. In questo modo aiuta a ridurre la formazione dei trombi che possono formarsi nei vasi sanguigni.
Inoltre riduce la proliferazione delle cellule muscolari lisce della parete vasale, che quando aumenta troppo riduce il diametro dei vasi sanguigni e quindi la portata di sangue. Il policosanolo è efficace anche nel combattere i radicali liberi e grazie a questo effetto ostacola l’ossidazione delle LDL, che è la causa principale dello sviluppo dell’aterosclerosi.
E’ stata fatta una valutazione degli studi clinici esistenti sul policosanolo. Si può dire che a dosi comprese tra 10 e 20 mg al giorno esso riduce il colesterolo totale tra il 17 e il 21%, il colesterolo LDL tra il 21 e il 29% e aumenta il colesterolo HDL tra l’8 e il 15%. Una dose giornaliera di 10 mg. di policosanolo ha all’incirca la stessa efficacia di riduzione del colesterolo LDL di una pari dose di simvastatina o di pravastatina. I trigliceridi sono meno influenzati dal policosanolo. Quest’ultimo sembra essere molto ben tollerato, come dimostrano almeno 2 studi a lungo termine con dosaggi pieni di queste sostanze. Studi su animali indicano che il policosanolo incrementa il catabolismo del colesterolo LDL, probabilmente aumentando il numero di recettori per il colesterolo LDL a livello epatico. Esso inoltre inibisce notevolmente la sintesi dell’enzima HmgCoA reduttasi, ma assai poco la sua attività una volta sintetizzato. Inoltre il policosanolo riduce la proliferazione delle cellule muscolari lisce della parete vasale, l’aggregazione piastrinica e l’ossidazione delle LDL, tutti fenomeni che favoriscono l’aterosclerosi. Mancano ancora dati clinici riguardanti il suo effetto sulla mortalità cardiovascolare di popolazioni trattate con questa sostanza.
Una valutazione degli studi clinici esistenti ha paragonato gli effetti sul colesterolo LDL degli steroli e stanoli vegetali a quelli del policosanolo cubano (PPG). Sono stati selezionati 52 studi clinici rigorosi, che hanno coinvolto in tutto 4596 pazienti ipercolesterolemici. I risultati dei 23 studi relativi agli steroli/stanoli pubblicati (893 pazienti totali) indicano un calo del colesterolo LDL (quello cattivo) dell’11% alla dose media di 3,4 g al giorno, mentre i risultati dei 29 studi relativi al policosanolo pubblicati (1528 pazienti totali) indicano un calo del colesterolo LDL del 23,7% alla dose media di 12 mg al giorno. Questi studi indicano quindi che il policosanolo riduce il colesterolo LDL in modo migliore rispetto agli steroli/stanoli, e che è anche più efficace di questi ultimi nel ridurre il colesterolo totale e i trigliceridi e nell’aumentare il colesterolo HDL. La percentuale di pazienti usciti dagli studi per insorgenza di effetti collaterali rilevanti era dello 0,84% per gli steroli/stanoli e dello 0,86% per il policosanolo. In conclusione la valutazione conferma che entrambe le sostanze testate sono efficaci e ben tollerate nel combattere l’ipercolesterolemia e indica che il policosanolo cubano (PPG) è superiore agli steroli/stanoli come efficacia e analogo ad essi come tollerabilità.

  • Indicazioni: aumento dei grassi nel sangue, prevenzione della malattia aterosclerotica.
  • Azione prevalente: ipocolesterolemizzante, antiaterosclerotica.
  • Altre azioni: antiaggregante piastrinica, cardio-vasoprotettiva.

EFFETTI COLLATERALI: nessuno conosciuto.
CONTROINDICAZIONI: nessuna conosciuta.
INTERAZIONI FARMACOLOGICHE: nessuna.
DATI TOSSICOLOGICI: uno studio nel ratto ha valutato la tossicologia del policosanolo. Esso era somministrato per bocca a dosi comprese tra 5 e 500 mg per kg di peso al giorno per 12 mesi. Non sono stati osservati effetti tossici di alcun tipo.
Uno studio clinico ha indagato la tollerabilità del policosanolo in pazienti anziani. Sono stati inclusi nello studio tutti i pazienti di età superiore ai 60 anni trattati con policosanolo, per un totale di 2252 pazienti (1306 donne e 946 uomini). Di questi 1485 erano ipercolesterolemici (65,9%), 1322 erano ipertesi (58,7%) e 323 erano diabetici (14,3%). 647 pazienti avevano problemi alle arterie coronarie (28,7%), 244 avevano un’insufficienza cerebrovascolare senile (10,8%) e 173 soffrivano di aterosclerosi alle arterie delle gambe (7,7%). Il dosaggio di policosanolo somministrato in questi studi variava da 5 a 20 mg al giorno, con la maggioranza degli studi fatti col dosaggio di 10 mg in un’unica somministrazione serale. La durata del trattamento oscillava tra i 6 e i 36 mesi. Solo 31 pazienti sul totale (1,4%) hanno avuto effetti collaterali rilevanti e 18 sono deceduti durante gli studi. Di questi ultimi 4 sono morti per infarto miocardico, 1 per arresto cardiaco, 2 per aritmia ventricolare, 1 per embolia polmonare, 5 per tumori, 1 per peritonite, 1 per edema polmonare e 1 per disidratazione. 21 pazienti hanno volontariamente interrotto il trattamento prematuramente (0,9%) per effetti collaterali rilevanti. Lo studio dimostra l’ottima tollerabilità di policosanolo anche nel paziente anziano.

BIBLIOGRAFIA.

  1. Gouni-Berthold I. et al. Policosanol: clinical pharmacology and therapeutic significance of a new lipid-lowering agent. Am Heart J 2002 Feb;143(2):356-65.
  2. Castano G. et al. Effects of policosanol and pravastatin on lipid profile, platelet aggregation and endothelemia in older hypercholesterolemic patients. Int J Clin Pharmacol Res 1999;19(4):105-16
  3. Torres O. et al. Treatment of hypercholesterolemia in NIDDM with policosanol. Diabetes Care 1995 Mar;18(3):393-7.
  4. Canetti M. et al. A two-year study on the efficacy and tolerability of policosanol in patients with type II hyperlipoproteinaemia. Int J Clin Pharmacol Res 1995;15(4):159-65.
  5. Batista J. et al. Effect of policosanol on hyperlipidemia and coronary heart disease in middle- aged patients. A 14-month pilot study. Int J Clin Pharmacol Ther 1996 Mar;34(3):134-7.
  6. Mas R. et al. Effects of policosanol in patients with type II hypercholesterolemia and additional coronary risk factors. Clin Pharmacol Ther 1999 Apr;65(4):439-47.
  7. Castano G. et al. Effects of policosanol on postmenopausal women with type II hypercholesterolemia. Gynecol Endocrinol 2000 Jun;14(3):187-95.
  8. Castano G. et al. Effects of policosanol in older patients with type II hypercholesterolemia and high coronary risk. J Gerontol A Biol Sci Med Sci 2001 Mar;56(3):M186-92.
  9. Castano G. et al. Effects of policosanol on older patients with hypertension and type II hypercholesterolaemia. Drugs R D 2002;3(3):159-72.
  10. Aleman C.L. et al. A 12-month study of policosanol oral toxicity in Sprague Dawley rats.Toxicol Lett 1994 Jan;70(1):77-87
  11. Rodriguez M.D. et al. Teratogenic and reproductive studies of policosanol in the rat and rabbit. Teratog Carcinog Mutagen 1994;14(3):107-13.
  12. McCarty M. et al. Policosanol safely down-regulates HMG-CoA reductase - potential as a component of the Esselstyn regimen. Med Hypotheses 59(3):268, 2002.
  13. Varady K.A. et al. Role of policosanols in the prevention and treatment of cardiovascular disease. Nutr Rev. 61(11):376-83, 2003.
  14. Mas R. et al. Long- term effects of policosanol on older patients with Type 2 diabetes. Asia Pac J Clin Nutr. 2004;13(Suppl):S101, 2004.
  15. Chen J.T. et al. Meta-analysis of natural therapies for hyperlipidemia: plant sterols and stanols versus policosanol. Pharmacotherapy. 25(2):171-83, 2005.
  16. Fernandez S. Et al. A pharmacological surveillance study of the tolerability of policosanol in the elderly population. Am J Geriatr Pharmacother. 2(4):219-29, 2004.
  17. Castano G. et al. Effects of addition of policosanol to omega-3 fatty acid therapy on the lipid profile of patients with type II hypercholesterolaemia. Drugs R D. 6(4):207-19, 2005.
  18. Noa M. et al. Protective effect of policosanol on atherosclerotic plaque on aortas in monkeys. Arch Med Res. 36(5):441-7, 2005.

 
benessere
conoscere la fitoterapia
alimenti per il benessere
fitocosmesi, la bellezza dalla natura
alimenti per il benessere
articoli scientifici
contatta uno specialista
corsi di fitoterapia
piante officinali




I prodotti di Pharmaelite sono vere e proprie creazioni in costante evoluzione, sottoposte a prove e verifiche scientifiche continue. Lo studio di eccipienti e principi attivi, completamente naturali, si deve combinare a un’elevata velocitÓ di assorbimento, l’indice di penetrabilitÓ, e alla assoluta raffinatezza della base cosmetica.

Per arrivare a questo obiettivo Gian Maria Amatori, creatore dei cosmetici, ha collaborato con esperti in cosmetologia, microbiologia, erboristeria e chirurgia estetica, e sottoposto i propri dossier a personalitÓ super partes, tra cui il noto Lothar Erich Gluderer, e Antonello Sannia (presidente della SocietÓ Italiana di Medicina Naturale).

I cosmetici Pharmaelite sono prodotti in Alta Badia.

Per l'acquisto dei cosmetici Pharmaelite:
www.pharmaelite.it