fitoterapia.it
 
articoli e notizie
cerca in base all'uso:
  
Piante officinali principali » RIBES NERO
RIBES NERO
(Ribes nigrum)

FAMIGLIA: Grossulariaceae
ribes nero

HABITAT: originario dell'Europa centro-meridionale, nelle zone di mezza montagna con clima continentale piuttosto umido.
PARTE USATA: le gemme e i giovani getti non lignificati.
PREPARAZIONE FARMACEUTICA CONSIGLIATA: estratto secco, il cui dosaggio giornaliero è di 8 -10 mg per kg di peso corporeo, in due somministrazioni, una al mattino al risveglio e l'altra nel primo pomeriggio.
COMPOSIZIONE CHIMICA: i componenti principali sono degli antocianosidi, sia dimeri sia trimeri. Questi composti dimeri sono rappresentati da tre prodelfinidine. Contiene inoltre numerosi flavonoidi. Sono presenti anche acidi organici, acidi diterpenici, vitamina C e numerosi sali minerali. Si ritrova anche una piccola quantità di olio essenziale.
PROPRIETÀ TERAPEUTICHE: Azione anti-infiammatoria: questa pianta è nota per le sue proprietà anti-infiammatorie, antidolorifiche e antiallergiche. Esse sono in parte legate alla sua azione di tipo cortisonosimile, dovuta ad uno stimolo diretto sulla corteccia surrenalica, con conseguente, aumentata produzione di steroidi surrenalici.
Inoltre è in grado di legarsi ai recettori per il desossicorticosterone (DOCA), un corticosteroide presente nell’uomo, svolgendo così un’azione simile a quella di questo cortisonico. Le sostanze principali per la sua azione terapeutica sembrano essere le proantocianidine, mentre gli acidi fenolici e i flavonoidi paiono svolgere un ruolo meno importante.
Questa pianta è in grado di inibire l’infiammazione causata da sostanze infiammatorie nella zampa di ratto, con un’azione simile a quella dei salicilati. Anche l'acido niflumico, un noto anti-infiammatorio sintetico, ha un potere anti-infiammatorio piuttosto vicino a quello del ribes nero.
L'azione anti-infiammatoria di questa pianta non provoca però danni allo stomaco, a differenza delle sostanze appena citate.
Le proantocianidine si sono dimostrate capaci di combattere la fragilità dei vasi sanguigni, mostrando quindi un'azione capillaroprotettiva, ormai ben dimostrata sia a livello del microcircolo retinico sia di quello periferico.
Azione antiradicalica: si è notato che i flavonoidi e gli antocianosidi sono dei validi antagonisti dei radicali liberi. I flavonoidi, e con loro molti fenoli (soprattutto i tocoferoli), reagiscono coi radicali liberi, limitando così i danni legati alla loro intensa reattività a livello dei fosfolipidi della membrana cellulare.

  • Indicazioni principali: allergie cutanee e respiratorie lievi o moderate, malattie della pelle su base allergica o infiammatoria.
  • Azione prevalente: anti-infiammatoria e antiallergica.
  • Altre azioni: antiossidante.

EFFETTI COLLATERALI: può aumentare la pressione arteriosa a causa della sua azione di tipo cortisonosimile, per cui va usato con cautela nel paziente iperteso.
CONTROINDICAZIONI: cautela in pazienti con grave ipertensione arteriosa.
INTERAZIONI FARMACOLOGICHE: non note.
DATI TOSSICOLOGICI: la dose letale per bocca è indeterminabile nel ratto, il che conferma la scarsissima tossicità dell’estratto di questa pianta.

BIBLIOGRAFIA.

  1. Bruneton J. Pharmacognosie et phytochimie plantes medicinales. Ed. Lavoisier, Paris, 1993.
  2. Alcaraz M.J. et al. Modification of arachidonic metabolism by flavonoids. J. Ethnopharmacology 21,209-229, 1987.
  3. Alcaraz M.J. et Jimenez M.J. Flavonoids as anti-inflammatory agents. Fitoterapia 59, 25-38, 1988
  4. Amellal M. et al. Inhibition of mast cell histamine release by flavonoids and biflavonoids. Planta Med. 16-19, 1985.
  5. Nikaido T. et al. Inhibition of cyclic AMP phosphodiesterase by flavonoids. Planta Med. 46, 162-166, 1982.
  6. Tits M. et al. Anti-inflammatory prodelphinidins from black currant (Ribes nigrum) leaves. Planta Med. 57, A 134, 1991.
  7. Declume C. Anti-inflammatory evaluation of a hydroalcoholic extract of black currant leaves. J. Ethnopharmacol. 27, 91-98, 1989.
  8. Kahkonene M.P. et al. Berry phenolics and their antioxidant activity. J. Agric. Food Chem. 49, 4076-4082, 2001.
  9. Garbacki N. et al. Effects of prodelphinidins isolated from Ribes nigrum on chondrocyte metabolism and COX activity. Naunyn Schmiedebergs Arch. Pharmacol. 365, 434-441, 2002.
  10. Frank J. et al. Effects of dietary anthocyanins on tocopherols and lipids in rats. J Agric Food Chem 50(25):7226-30, 2002.
  11. Garbacki N. et al. Inhibitory effects of proanthocyanidins from Ribes nigrum leaves on carrageenin acute inflammatory reactions induced in rats. BMC Pharmacol. 4(1):25, 2004.

 

 
benessere
conoscere la fitoterapia
alimenti per il benessere
fitocosmesi, la bellezza dalla natura
alimenti per il benessere
articoli scientifici
contatta uno specialista
corsi di fitoterapia
piante officinali




I prodotti di Pharmaelite sono vere e proprie creazioni in costante evoluzione, sottoposte a prove e verifiche scientifiche continue. Lo studio di eccipienti e principi attivi, completamente naturali, si deve combinare a un’elevata velocitÓ di assorbimento, l’indice di penetrabilitÓ, e alla assoluta raffinatezza della base cosmetica.

Per arrivare a questo obiettivo Gian Maria Amatori, creatore dei cosmetici, ha collaborato con esperti in cosmetologia, microbiologia, erboristeria e chirurgia estetica, e sottoposto i propri dossier a personalitÓ super partes, tra cui il noto Lothar Erich Gluderer, e Antonello Sannia (presidente della SocietÓ Italiana di Medicina Naturale).

I cosmetici Pharmaelite sono prodotti in Alta Badia.

Per l'acquisto dei cosmetici Pharmaelite:
www.pharmaelite.it