fitoterapia.it
 
articoli e notizie
Articoli e notizie »
obesitÓ

Le piante che aiutano a curare l'obesità

Antonello Sannia presidente della SIMN (SocietÓ Italiana Medicina Naturale)

Recenti indagini hanno rilevato che l'obesità, in Italia, interessa circa il 10% della popolazione, ed è in continuo aumento anche tra i bambini.
È sicuramente un dato preoccupante e rappresenta un problema non solo medico ma anche sociale.
Molti ritengono che l'obesità sia soprattutto un danno estetico, mentre invece è una vera e propria malattia non solo di per se stessa, ma anche perché facilita l'insorgenza di altri stati morbosi quali diabete mellito, aumento dei grassi nel sangue, artrosi e soprattutto malattie cardiovascolari.
Ad esempio l'infarto del miocardio, che è la prima causa di morte in Italia, è quattro volte più frequente nei soggetti obesi rispetto a quelli normopeso. Pertanto è indispensabile una cura prescritta da un medico specialista, che deve basarsi anzitutto su una dieta corretta e formulata in maniera opportuna.
Infatti vengono spesso prescritte diete molto drastiche, che promettono una rapida perdita di peso, ma che in realtà non hanno alcun fondamento scientifico e possono talora essere pericolose. La perdita di peso è certamente migliore quando avviene lentamente, quando la restrizione calorica non è elevata e, soprattutto, quando la dieta contiene tutte le sostanze necessarie all'organismo.
È molto utile un'abbondante ingestione di fibra alimentare e di acqua, poiché esse riducono il senso di fame e migliorano il funzionamento dell'intestino. Quindi una dieta valida, oltre ad essere semplice da rispettare, non deve richiedere modifiche dell'attività lavorativa e dello stile di vita e non deve alterare in alcun modo i vari metabolismi, facendo si che l'organismo bruci i grassi in eccesso senza nessuno squilibrio.

A questo punto si può impostare una terapia che integri la dieta per migliorarne i risultati. A tale proposito devo dire che purtroppo vengono spesso impiegate sostanze di tipo amfetaminico, dette anoressanti perché riducono il senso di fame. Questi farmaci possono essere pericolosi, specie se prescritti ad alte dosi, poiché possono causare danni al cuore, confusione mentale, insonnia,e in alcuni casi perfino farmacodipendenza. Ovviamente i pericoli sono ancora maggiori quando queste sostanze vengono usate in modo irrazionale, associandole a ormoni, diuretici, ipoglicemizzanti orali, psicofarmaci e altro ancora. Così facendo vengono confezionati prodotti i cui effetti sono spesso imprevedibili e talora persino mortali.

Il sistema migliore invece si basa su prodotti completamente naturali, che aiutano a bruciare i grassi in eccesso e hanno anche capacità depurative e disintossicanti. Inoltre combattono la stitichezza, riducono il senso di fame e diminuiscono l'assorbimento dei grassi, soprattutto del pericoloso colesterolo. Vediamo quindi quali sono le principali piante medicinali utili per combattere obesità e cellulite, suddividendole in riduttrici della fame, stimolanti metaboliche e diuretiche.

PIANTE RIDUTTRICI DELLA FAME.

Glucomannano (Amorphophallus Konjac): è in grado di aumentare il proprio volume di circa ottanta volte nello stomaco, purché in presenza di abbondanti liquidi. Riduce anche l'assorbimento dei grassi da parte dell'intestino, dove svolge anche una certa azione lassativa. Va assunto circa 1 ora prima dei due pasti principali, ingerendolo con almeno due grossi bicchieri di acqua. Non essendo assorbito dall'intestino umano, non causa effetti collaterali di tipo sistemico.

Chitosano: il chitosano è un derivato della chitina derivato dai crostacei. Esso non viene assorbito dall’intestino umano e non esercita quindi alcuna azione di tipo sistemico. A livello intestinale riduce, seppure moderatamente, l’assorbimento dei lipidi, per cui può essere utile in soggetti con aumento dei livelli plasmatici di colesterolo e/o in soggetti che osservano un regime dimagrante per diminuire l’apporto calorico.

PIANTE STIMOLANTI METABOLICHE.

Fucus (Fucus vesiculosus): è detto anche alga marina o quercia marina ed è in grado di stimolare la funzionalità della tiroide grazie al suo buon contenuto in iodio. Ciò aiuta a sciogliere più velocemente i grassi e pertanto facilita il dimagramento. Non va somministrato a persone portatrici di malattie tiroidee.

PIANTE DIURETICHE.

Gramigna (Agropyron repens): ha una buona attività depurativa e diuretica, che avviene direttamente a livello renale, con aumento dell'eliminazione urinaria di acqua, sodio, cloro e urea, senza però modificare quella del potassio Non va data ai pazienti affetti da allergia alle graminacee.

Betulla (Betula alba): ha un'azione simile a quella della gramigna ma, rispetto a questa, stimola assai di più l'eliminazione dell'acido urico, e possiede una migliore attività anticellulitica.

Ortosiphon (Ortosiphon stamineus): le sue proprietà terapeutiche sono simili a quelle della Betulla, ma la sua azione diuretica è ancora più energica.
Queste piante sono notevolmente sinergiche tra loro, per cui somministrandole assieme si ottengono migliori risultati rispetto a quelli ottenibili con ciascuna di esse data singolarmente, ma questa associazione va fatta da un esperto in fitoterapia.

Per ottenere un valido risultato terapeutico è poi indispensabile un regolare programma di esercizio fisico, che rafforza i nostri muscoli e anche la nostra mente. È infine molto importante, una volta persi i chili di troppo, impostare una corretta cura di mantenimento. Essa è basata su un'alimentazione libera e variata ma controllata, per evitare di ingerire troppe calorie, e su prodotti naturali ad azione diuretico-depurativa quali ad esempio l'Ortosiphon. Anche nello schema di mantenimento è molto importante un corretto movimento fisico, che ci consente di smaltire assai meglio le calorie ingerite con alimentazione.
In conclusione quindi dieta si, ma sotto stretto controllo di specialisti qualificati e con l'aiuto, spesso necessario, di una cura basata esclusivamente sulle piante medicinali.

Antonello Sannia, presidente della SIMN (Società Italiana Medicina Naturale)

 
benessere
conoscere la fitoterapia
alimenti per il benessere
fitocosmesi, la bellezza dalla natura
alimenti per il benessere
articoli scientifici
contatta uno specialista
corsi di fitoterapia
piante officinali




I prodotti di Pharmaelite sono vere e proprie creazioni in costante evoluzione, sottoposte a prove e verifiche scientifiche continue. Lo studio di eccipienti e principi attivi, completamente naturali, si deve combinare a un’elevata velocitÓ di assorbimento, l’indice di penetrabilitÓ, e alla assoluta raffinatezza della base cosmetica.

Per arrivare a questo obiettivo Gian Maria Amatori, creatore dei cosmetici, ha collaborato con esperti in cosmetologia, microbiologia, erboristeria e chirurgia estetica, e sottoposto i propri dossier a personalitÓ super partes, tra cui il noto Lothar Erich Gluderer, e Antonello Sannia (presidente della SocietÓ Italiana di Medicina Naturale).

I cosmetici Pharmaelite sono prodotti in Alta Badia.

Per l'acquisto dei cosmetici Pharmaelite:
www.pharmaelite.it