fitoterapia.it
 
articoli e notizie
Articoli e notizie »
Attenzione alle carni rosse: si rischia un cancro all'intestino.
A rivelarlo Ŕ uno studio inglese pubblicato sulla rivista scientifica Journal Cancer Research


I ricercatori hanno comparato cellule dei tessuti di rivestimento del colon prelevate da soggetti che avevano una dieta a base di carne rossa e da soggetti che invece seguivano una dieta vegetariana. Hanno così osservato che nel primo gruppo di volontari (mangiatori di carne) le cellule esaminate presentavano un aumento 'significativo' di danni al livello del DNA rispetto ai soggetti vegetariani. Ed è proprio tale danneggiamento del DNA, affermano i ricercatori, ad accrescere il rischio di insorgenza del cancro.

Lo studio fa seguito ad una ricerca europea presentata lo scorso anno e che aveva già dimostrato, monitorando la dieta di circa 500.000 individui in 10 paesi per un periodo di 5 anni, come il rischio di sviluppare il cancro all'intestino fosse più alto del 35% in soggetti che consumavano almeno due porzioni di carne rossa al giorno rispetto a soggetti che limitavano invece il consumo di carne rossa ad una, due porzioni a settimana.
I ricercatori non riuscivano però a spiegarsi la ragione fisiologica di questo fenomeno e perchè il maggior consumo di carne rossa fosse associato ad un incremento di forme tumorali. A questo scopo, i ricercatori hanno studiato 21 volontari che hanno seguito tre diete diverse per un periodo di 15 giorni: una dieta a base di carne rossa, una seconda dieta a base di vegetali, uova e formaggio ed una terza dieta a base di fibre. Cellule prelevate da campioni di feci sono state quindi analizzate per verificare eventuali alterazioni del DNA.

Chiari i risultati: i danni al DNA erano osservabili in maniera più ‘consistente e significativa' proprio in relazione all'elevato consumo di carne rossa. In particolare, i ricercatori hanno osservato che nei consumatori di carne rossa il livello di particolari sostanze definite 'composti nitrosi' (NOC) risultava maggiore a livello intestinale. Alcuni di questi composti si combinerebbero appunto al DNA 'destabilizzandolo' e rendendolo, così, maggiormente suscettibile a pericolose modificazioni che aumenterebbero il rischio di insorgenza del cancro.

La ricerca conferma l'importanza di una dieta bilanciata e sana, ricca soprattutto di fibre, frutta e vegetali e con un ridotto consumo di carni rosse.

FONTE: Journal Cancer Research, ottobre 2006



 
benessere
conoscere la fitoterapia
alimenti per il benessere
fitocosmesi, la bellezza dalla natura
alimenti per il benessere
articoli scientifici
contatta uno specialista
corsi di fitoterapia
piante officinali




I prodotti di Pharmaelite sono vere e proprie creazioni in costante evoluzione, sottoposte a prove e verifiche scientifiche continue. Lo studio di eccipienti e principi attivi, completamente naturali, si deve combinare a un’elevata velocitÓ di assorbimento, l’indice di penetrabilitÓ, e alla assoluta raffinatezza della base cosmetica.

Per arrivare a questo obiettivo Gian Maria Amatori, creatore dei cosmetici, ha collaborato con esperti in cosmetologia, microbiologia, erboristeria e chirurgia estetica, e sottoposto i propri dossier a personalitÓ super partes, tra cui il noto Lothar Erich Gluderer, e Antonello Sannia (presidente della SocietÓ Italiana di Medicina Naturale).

I cosmetici Pharmaelite sono prodotti in Alta Badia.

Per l'acquisto dei cosmetici Pharmaelite:
www.pharmaelite.it